Lamiere bugnate: caratteristiche e usi

Tu sei qui:

Condividi sui social

Share on facebook
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on telegram

COSA SONO LE LAMIERE?

Una lamiera è una lamina di metallo ottenuta dalla laminazione di una bramma (cioè un prodotto intermedio della siderurgia); il peso, la dimensione, lo spessore possono variare in base all’uso a cui è destinata.

In base anche al materiale, le lamiere possono essere usate in modo diverso: ad esempio se sono di rame possono essere impiegate nel settore elettromeccanico; se, invece, si parla di lastre di ottone possiamo ottenere perlopiù oggetti d’arredamento; con il bronzo c’è una più ampia scelta che può andare dal manufatto artistico al settore chimico e navale.
Addirittura nell’antichità, con delle sottili lamine venivano create, da artigiani specializzati, le armature dei cavalieri.

Tra i vari materiali esistenti, però, le lamiere possono essere anche in acciaio inossidabile o in alluminio e in questo caso sono impiegate soprattutto nei settori industriali e nell’edilizia.

Nel caso remoto in cui, invece, le lamiere fossero realizzate in ferro grezzo, si consiglia la verniciatura o un trattamento antiruggine, soprattutto se le lamiere bugnate sono destinate ad uso esterno.

LE DIVERSE CARATTERISTICHE CHE PUO’ AVERE UNA LAMIERA

Ci sono diversi trattamenti a cui può essere sottoposta una lamiera e differenti risultati e caratteristiche che si possono ottenere.

Fra le varie lamiere che si possono ottenere, quelle bugnate sono le più diffuse e le più versatili in quanto possono essere impiegate in vari campi.

Una lamiera bugnata, quindi, viene creata tramite la “punzonatura” che è una procedura che permette di creare a freddo rilievi di diverse forme su tutta la superficie della lamiera tramite la pressione o la percussione di un punzone. La bugnatura che possiamo trovare su di una lama può essere a forma di mandorla, tonda, rettangolare, a losanga e possono anche essere disposte in modi differenti e creare vari motivi geometrici (ad esempio “diamantato”).

Questo tipo di lamiera risulta leggera e molto resistente all’usura, all’incisione, all’abrasione e al calpestio. Infatti, fra le varie qualità che possiamo annoverare, bisogna evidenziare che queste lamiere sono antiscivolo e, quindi, facilmente utilizzate per gradini e pavimenti (ad esempio anche nei mezzi di trasporto). Oltre che per i pavimenti questo tipo di materiale può essere utilizzato anche per pareti ed elementi architettonici dotandoli di un aspetto più moderno (anche se il loro impiego in questo campo è risalente solamente agli ultimi periodi).

Per la loro resistenza e versatilità, dunque, non necessitano nemmeno di particolare manutenzione.

CARATTERISTICHE GENERALI DELLE LAMIERE BUGNATE

In generale le dimensioni standard delle lamiere sono:
– 1.000×2.000mm
– 1.250×2.500mm
– 1.500×3.000mm

Ovviamente queste sono misure standard che possono tranquillamente essere modificate in base alle richieste e alle necessità (cioè in base all’uso cui sono destinate).
Inoltre, su richiesta anche lo spessore può variare: ci sono lamiere bugnate che possono essere spesse circa 2,5mm fino ad un massimo di 12mm.
Il peso, invece, dipende totalmente dai due fattori descritti precedentemente. Ad esempio: una lamiera bugnata con misure formato standard mm 1.000×2.000 con spessore mm 2,5 avrà peso kg/mq 20,85; mentre una lamiera con le stesse misure ma con spessore mm 12 peserà in modo totalmente diverso cioè kg/mq 194,64.

Questo tipo di lamiere, dunque, risultano opache e sono piacevoli alla vista per la loro trama particolare seppur semplice.
La cosa più importante da evidenziare, però, è queste lamiere riescono a creare armonia laddove serve qualcosa di bello esteticamente ma anche funzionale a livello pratico.

Altri articoli che potrebbero interessarti