Le diverse tipologie di lamiera ed i suoi utilizzi

Tu sei qui:
lamiera

Condividi sui social

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

La lamiera è un prodotto che si presta a numerosi utilizzi. Le diverse tecniche di produzione comprendono tagli e lavorazioni differenti, ognuna delle quali realizzano prodotti diversi a seconda degli impieghi.

Negli ultimi tempi, le lastre di lamiera vengono impiegate non solo in campo industriale e civile ma anche in campo decorativo.


Cos’è una lamiera

La lamiera è una placca metallica che si ottiene attraverso la trasformazione di bramme, ossia semilavorati d’acciaio a sezione rettangolare ottenuti da un processo di colatura continua di metallo in forma liquida.

La lavorazione può essere diversa in base alla funzione e all’impiego della lamiera. Nella lavorazione a freddo, la lamiera diventa flessibile e plasmabile. In questo modo si potrà dare una particolare forma senza grandi problemi. Nella lavorazione a caldo, invece, la lamiera viene lavorata ad alte temperature in modo da renderla molto sottile.

Tra le diverse tipologie di lamiera più diffuse e apprezzate, oltre a quella in acciaio inossidabile, troviamo le lamiere in rame (utilizzate per la realizzazione di conduttori di elettricità), le lamiere di alluminio (impiegate nel settore edile) e lamiere di ottone (usate nella creazione di oggetti d’arte e di arredo).


Le diverse tipologie di lamiera

Le lamiere possono essere classificate in base a diversi criteri. Oltre al materiale, le lamiere di distinguono a seconda del processo produttivo (laminazione a caldo o a freddo, da treno o spianata da coil) e della forma (bugnate, stirate, ondulate e forate).

Lamiere bugnate

È un tipo di lastra ottenuta dalla lavorazione di una lamiera piana attraverso il procedimento di punzonatura. Questo tipo di processo prevede la creazione di rilievi sulla superficie della lastra in determinate forme e segni (ellissi o rombi), disposti in diverso modo.

Ciò conferisce alla lamiera una particolare resistenza al calpestio e alle deformazioni, con proprietà antiscivolo. Per questo motivo è ampiamente usata nel campo edile soprattutto per rivestire i camminamenti. Viene, inoltre, impiegata per rinforzare pareti, elementi architettonici verticali ed impianti di vario tipo.

I materiali più utilizzati per produrre questo tipo di lastra sono acciaio (inox o zincato), rame o alluminio.


Lamiere stirate

Questo tipo di lamiera viene realizzata attraverso il processo di stampaggio a freddo di fogli o bobine. Tramite apposite presse di diversa potenza, la lastra viene contemporaneamente tagliata e stirata, così da ottenere la tipica struttura a rete. I motivi più comuni sono romboidale, esagonale e a quadra, a seconda dei quali dipendono i diversi ambiti di applicazione.

Il principale utilizzo è in ambito industriale soprattutto per la produzione di diversi impianti di filtrazione (olio, acqua, aria e carburante) e per la creazione di griglie. La lamiera stirata, inoltre, viene impiagata anche nel campo architettonico per la realizzazione di scale, facciate, controsoffitti e recinzioni.


Lamiere ondulate

Le lamiere ondulate vengono generalmente realizzate con ferro zincato e plasmate a forma di onda. In questo modo la resistenza agli sforzi di flessione è maggiore. La caratteristica principale di questa lastra è la rigidità e trova un vasto impiego nel settore edile per realizzare coperture semipermanenti o provvisorie e casseforme (involucri dove viene gettato il calcestruzzo).


Lamiere forate

Si tratta di un tipo di lastra ottenuto per tranciatura a freddo che, tramite una pressa su cui sono posizionati una serie di punzoni, realizza fori di vario tipo a seconda degli utilizzi. Le forme più richieste sono quelle esagonali, quadrate e tonde, ma si possono ottenere anche forme più ricercate.

I suoi ambiti di applicazione sono molteplici: nella produzione di mobili ed impianti vari, nella realizzazione di facciate esterne, nell’illuminazione, nella climatizzazione e nella filtrazione.


Messina Ferro: gli esperti dell’artigianato

Dal 1825 la Messina Ferro soddisfa le esigenze di tutti i suoi clienti, grazie sia all’esperienza, che viene tramandata da generazione in generazione, sia al materiale di prima scelta che viene impiegato nella lavorazione dei prodotti realizzati.

L’azienda è leader nell’artigianato, nella lavorazione del ferro e nei laminati. I loro prodotti, inoltre, sono destinati all’arredamento e all’edilizia.

Il punto di forza dell’azienda è la lavorazione del ferro battuto, impiegato in molti manufatti da loro realizzati, come grate, scale, cancelli, lampade e lanterne. I fabbri offrono assistenza anche dopo l’acquisto del prodotto. I professionisti esperti che collaborano nell’azienda sono sempre alla ricerca di nuovi materiali senza mai dimenticare le radici della lavorazione tramandata.

Altri articoli che potrebbero interessarti