Pressopiegatura: cos’è

Tu sei qui:

Condividi sui social

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

La lamiera: la nozione e la bramma

Prima di esaminare il fenomeno ed il processo della pressopiegatura occorre esaminare cos’è la lamiera e come quest’ultima viene impiegata nelle suddette operazioni tecnologiche.
La lamiera rappresenta una particolare componente siderurgica la quale generalmente presenta delle dimensioni particolarmente grandi ed uno spessore fine. In origine la lamiera veniva ricavata attraverso apposite operazioni di battitura nelle quali si martellava il metallo in modo da rendere il più sottile possibile.
Sono presenti in numerosi musei delle testimonianze che raccontano e descrivono in modo specifico tali operazioni, tra queste testimonianze si possono citare ad esempio le corazze, le spade o anche le maschere di rame.
La principale tipologia di lamiera è rappresentata dalla bramma dalla quale si possono ottenere diverse tipologie di prodotti siderurgici fra i quali si possono citare ad esempio la billetta la quale viene comunemente impiegata nella realizzazione di travi.
La bramma può essere ottenuta mediante un particolare macchinario denominato altoforno all’interno del quale vengono fusi numerose tipologie di rottami i quali in seguito alla fusione vengono refrigerati. In seguito alla refrigerazione è possibile procedere alle operazioni di taglio della bramma dalla quale è possibile ottenere un particolare metallo particolarmente resistente e spesso.

La laminazione della bramma

In seguito al processo di fusione e successivamente all’operazione refrigerante la bramma subisce un’ulteriore lavorazione, quest’ultima viene infatti fatta passare attraverso appositi rulli i quali riducono sensibilmente lo spessore della bramma. I rulli in questione grazie alla forza applicata sulla bramma non solo ne riducono lo spessore ma altresì ne determinano un allungamento particolarmente rilevante.
La pressione viene operata mediante il passaggio della bramma in apposite gabbie all’interno delle quali vi sono delle specifiche presse grazie alle quali è possibile modellare la bramma a seconda delle proprie esigenze e necessità. Il processo appena descritto è noto in gergo tecnico come laminazione, tale processo inoltre può essere operato in due diverse modalità. Si possono citare infatti la laminazione a freddo e quella a caldo, la differenza tra le due diverse tipologia si riscontra nei differenti passaggi che devono eseguiti sulla lamiera al fine di ottenere lo spessore necessario a soddisfare le proprie esigenze.
La laminazione a caldo è particolarmente apprezzata in quanto permette di operare tali modifiche alla lamiera in modo particolarmente rapido, viceversa la laminazione a freddo permette di intervenire e dunque di modellare la lamiera con particolare precisione e accuratezza sullo spessore della lamiera.

Cos’è e in cosa consiste la pressopiegatura

La pressopiegatura rappresenta un processo innovativo attraverso il quale grazie ad appositi macchinari tecnologici è possibile eseguire la piegatura di lamiere o di metalli. Grazie a tali macchinari si possono svolgere infatti numerose operazioni di piegatura in modo particolarmente preciso ed ottimale, ciò è possibile grazie al fatto che tali macchine operano esercitando una pressione in una determinata zona del metallo senza danneggiarlo o rovinarlo in alcun modo.
Questi processi sono possibili grazie alla pressopiegatura la quale rappresenta un processo tecnologico all’avanguardia nel quale vengono impiegate delle apposite presse piegatrici grazie alle quali si possono svolgere numerose operazioni relative alle piegature di lamiere o di altri metalli. Le suddette operazioni permettono infatti di modellare le lamiere a seconda delle proprie esigenze, ebbene queste ultime una volta modellate e piegate possono essere impiegate in numerosi settori industriali.
Ebbene la lamiera rappresenta una componente particolarmente apprezzata ed impiegata in numerosi settori fra i quali si possono citare ad esempio quello relativo all’edilizia ed anche in numerosi articoli e oggetti fra i quali si possono citare ad esempio le lavatrici, le posate o anche alcuni componenti di arredo.
Le operazioni di piegatura delle lamiere vengono infatti eseguite in considerazione delle specifiche esigenze in modo tale che queste ultime siano in grado di poter soddisfare in modo ottimale qualunque tipologia di necessità costruttiva. Ebbene attraverso la pressopiegatura è possibile ottenere dei profilati aventi differenti dimensioni e con qualunque angolo di piegatura.

Cos’è la pressopiegatrice

Si tratta di un macchinario che permette di eseguire in modo ottimale tutte le operazioni relative al taglio o alla personalizzazione dell’alluminio. Grazie a tale macchinario tecnologico è infatti possibile svolgere tali particolari tipologie di operazioni in modo assolutamente preciso, accurato e personalizzato in termini di forma, angolo, raggio sull’alluminio ed in generale su qualunque tipologia di materiale.

Altri articoli che potrebbero interessarti