Stile industrial e ferro battuto

Tu sei qui:

Condividi sui social

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

Se siete amanti del ferro battuto e delle creazioni, perfette e su misura, figlie di un grande artigianato, non potete non optare per lo stile industrial per arredare e definire casa vostra.

Come se non bastasse, poi, questa tipologia di interior design è considerata l’ultima tendenza del settore, grazie ad i suoi elementi metallici, ai letti in ferro battuto ed ai tipici tavolini inglesi.
Oggi tutto dice “industrial”: lampade, cucine, cassettiere e molto altro!

Il fascino dello stile Industrial

Nasce nelle periferie di New York negli anni cinquanta, quando si sviluppava solo all’interno dei loft ricavati da vecchie zone industriali. Nella vita precedente erano stati officine, depositi o magazzini.
Oggi è la nuova frontiera dell’arredamento e viene ricreato quanto più possibile in tutto il mondo, non solo nella “grande mela”.

I toni utilizzati sono spesso spenti, un po’ decadenti.
L’arredo ha un gusto minimal, i materiali utilizzati sono semplici ma senza tempo: per lo più legno, ferro e pelle.
L’industrial richiama un modo di vivere molto contemporaneo, rispecchiando il riciclo continuo in termini di tendenze.
Questo stile è un connubio perfetto tra gusto “vintage” e attuali comportamenti imposti dalla società, come il risparmio e la tendenza ecologica.

Affidarsi a degli esperti del design e della lavorazione dei materiali è fondamentale: da una parte per evitare che possiate sfociare nell’eccesso di presenza di oggetti inutili, dall’altro per un risultato singolo e complessivo che vada oltre l’estetica e sia anche funzionale.
A questo proposito, i migliori del settore sono i professionisti di messinaferro.it.

Si potrebbe parlare di un tipo di “archeologia” di natura industriale.
Scendendo più nel dettaglio si possono riscontrare alcuni elementi inconfondibili di questo stile, come l’uso di altri materiali oltre il meraviglioso ferro battuto o l’intramontabile legno.
Ad esempio l’ottone, la ceramica, l’acciaio.
Per quel che riguarda la sua conformazione, va individuata stanza per stanza.
Ma se vi trovate di fronte una scaffalatura riverniciata in antracite o ruggine in una cucina estremamente minimal, allora sì, quello è industrial!
Esistono anche delle versioni un po’ più “fusion”, con una contaminazione residenziale.

Aree e mobili Industrial

Gli spazi dedicati a questo stile devono sempre essere molto ampi ed arieggiati, con mobili che vanno considerati tanto singolarmente quanto nell’insieme.
Ecco perché fareste bene ad optare per mobilia anglosassone dei primi anni del novecento, o stupende chicche a stelle e strisce anni ’50.

I colori più utilizzati sono ombrosi e neutri: oltre al grigio troviamo il nero, il metallizzato, il caffè.
Nei casi più raffinati è possibile riscontrare un gradevole accoppiamento tra legno naturale e consumato, con dei piccoli accenni di colorazione brillante giusto per ravvivare l’intero ambiente.
Se la pittura non vi convince, potete optare per la carta da parati. L’importante è che si limiti a motivi geometrici o che simulino un effetto cemento o mattonato.

Se volete ricreare un ambiente newyorkese o britannico, potete recarvi in un magazzino di antiquariato o nei negozi specializzati per acquistare alcuni mobili come sedie, scrivanie o divani.
In alternativa, ringiovanite dei vecchi oggetti sverniciandoli o laccandoli e dando una semplice passata di vernice trasparente.
Ancora, mettete in vista impianti, tubature e pilastri in metallo, vetrinette in arte “povera” o sedute in ferro battuto, magari realizzate da veri maestri dell’artigianato.

La miglior scelta possibile per quanto riguarda la cucina, ad esempio, ricade su un blocco color ghisa con rifiniture in peltro, piastrelle lucide e bianche ai muri, tipiche degli anni ’50, e pavimenti in legno rustico o gomma sintetica.
Per le camere da letto, invece, non esiste niente di meglio dei letti in ferro battuto, eleganti ma anche minimali, con un rapporto ben proporzionato tra comodità e stile “groove”, magari accompagnati da lampade dello stesso materiale che illuminino la stanza senza zone d’ombra.
Nei soggiorni vengono molto apprezzati i tavoli artigianali con robusti telai in ferro e rifiniture in legno massello.

Altri articoli che potrebbero interessarti